Il modo migliore di servire

Novembre 29-30; Dicembre 6-7

Quota di partecipazione: 10 euro

Prenotazione: da lunedì 18 novembre

Si racconta la storia dell’avv. Giorgio Ambrosoli, Commissario Liquidatore della Banca Privata Italiana nel settembre 1974, in occasione del primo grande crack finanziario italiano.  Ambrosoli, compie il proprio dovere in nome della Giustizia trovandosi di fronte ad interferenze di ogni tipo, colpevoli omissioni, inadeguatezze, fino a pressioni, ricatti, provocazioni e minacce che rendono molto difficile il proprio lavoro. La strenua difesa degli interessi della collettività da parte di un uomo perbene, dotato di senso del dovere, in contrasto con i tentativi di copertura di vistose illegalità, porterà al sacrificio estremo. Ambrosoli fece solo il proprio dovere: ricostruì i complessi meccanismi di frode che hanno portato al fallimento della banca e all’uso di risorse pubbliche e di altre banche per sanare i debiti. Ostacolato in ogni modo da pressioni pesanti, fino alla Presidenza del Consiglio, alla Massoneria, senza potersi fidare di nessuno, l’Avvocato andò avanti, ignorando provocazioni, ricatti e minacce. Giorgio Ambrosoli venne assassinato nella notte tra l’11 ed il 12 luglio 1979; quaranta anni fa. La sua “toga insanguinata” è diventata una bandiera.