Don Giovanni

manifesto-DON-GIOVANNI-web

DON-GIOVANNI-banner-per-mail

Ven. 20- Sab.21/ Ven. 27 Ottobre
Ven.3- Sab.4 / Ven. 10- Sab. 11 – Novembre
eccezionale pomeridiana  Domenica 12 Novembre (ore 16.30)

DON GIOVANNI

OVVERO

IL CONVITATO DI PIETRA

Libera contaminazione fra
il Don Giovanni di Moliere  e il Don Giovanni di Mozart su libretto di Da Ponte

Il nuovo Music-Art (contaminazione fra musical e commedia dell’arte)
inaspettato, comico, assurdo, coinvolgente. Con texture musicale dal vivo.

Diretto da M.Maurizia Ronchi
Musiche Originali di: Alessandro Luchi
Suonato dal vivo da Alessandro Luchi, Giacomo Morandi, Emanuele Proietti
collabora alla regia Marco Raimondi

Comicità e dramma, tradizione e modernità, farse e tragedia, vero e falso, dolce e amaro, bianco e nero, profondo e superficiale, conosciuto e inaspettato.
Il nuovo MUSIC-ART di Maurizia Ronchi è pronto a stupire, far ridere e far parlare di sé.donne-cast-A

Don Giovanni, seduce, promette, abbandona. In una giostra di avventure galanti, insulti, eresie e amenità quattro donne vengono ferite nel profondo.

Beffe, umiliazioni e seduzioni sono il pane quotidiano del libertino incallito, ma il cielo ha in serbo qualcosa di stupefacente, e tutta la sofferenza che Don Giovanni ha versato su altri prenderà nuova e incredibile forma fino a ritorcersi contro di lui.donne-cast-B

Il lavoro sul testo:
il testo nasce da una libera contaminazione fra “Don Giovanni” di Moliere e  “Don Giovanni” di Mozart sul libretto di Da Ponte. Il testo conserva la vivace arguzia di Moliere arricchita dalla  potenza e dall’ intuizione che Da Ponte messo al servizio del genio di Mozart. Maurizia Ronchi, dopo il successo del primo Music-Art “La Locandiera” messo in scena nell’ottobre 2016, propone una nuova produzione di questo nuovo genere più assurda e inaspettata, dove l’incredibile strizza l’occhio a quanto di più umano e vitale, e dove inferno e paradiso diventano contemporaneamente verità e farsa.

La musica originale:
la musica è stata scritta da Alessandro Luchi in stretta collaborazione e con grande attenzione alle richieste della regia. Le melodie strizzano l’occhio all’opera buffa, risultando originali,  espressive e al contempo orecchiabili. Una interessante operazione è stata quella di aver dato nuova musica ad alcuni  testi originali di Da Ponte, testi assai noti per le celebri arie di Mozart.

musicisti

Il cromatismo e le maschere:
lo spettacolo è un esempio di teatro nel teatro dove gli attori di una fantomatica compagnia dell’arte mettono in scena il “don Giovanni”  vestendosi e mascherandosi davanti agli occhi del pubblico. La regia ha scelto costumi e maschere che uniscono tradizione e modernità. Un gioco di bianco e nero su costumi ci tiene in bilico fra freschezza e oscurità. Le pennellate di oro e argento nelle maschere ci suggeriscono come il bagliore della ricchezza e della vita facile possa essere paravento per verità dure, non lontane da quelle che viviamo nel mondo di oggi.

La trama:
Don Giovanni, è entrato in casa di Donna Anna per sedurla; travestito come il suo fidanzato; lei si accorge dell’inganno e cerca di reagire alla tentata violenza. Il Commendatore, suo padre, sfida Don Giovanni a duello, ma questi lo uccide. Intanto Don Giovanni si invaghisce della contadinella Carlotta, benché sia promessa sposa di Masetto . Don Giovanni dice a Sganarello di preparare una festa, in modo da allontanare Masetto e gli altri contadini; rimasto solo con Carlotta, tenta di sedurla con mille lusinghe ma proprio quando la giovane sta per cedere, Donna Elvira, già sedotta e abbandonata da Don Giovanni, arriva  in tempo per avvisarla dell’inganno. Proprio allora si presentano Donna Anna e Don Ottavio, chiedendo a Don Giovanni di aiutarli a trovare l’assassino del Commendatore; Intanto Donna Anna ha capito dalla voce che è proprio Don Giovanni l’uomo che l’ha aggredita e che le ha ucciso il padre, fra queste ed altre avventure Don Giovanni fugge in un cimitero dove si erge la statua del Commendatore, da cui risuona una voce minacciosa. Per nulla turbato Don Giovanni invita a cena la statua, che si presenterà in effetti quindi al banchetto ……

Cast A
Ven.20 – Sab.21 Ottobre , Ven.3 – Dom.12* (pomeridiana*) Novembre
Edoardo Cortini
Federico Romei
Lara Torriti
Stefano Naldoni
Ilenia Leoncini
Iacopo Cupelli
Marco Bastianelli
Benedetta Niccolai
Chiara Barcaroli
Simone Raggi

Cast B
Ven.27 Ottobre, Sab.4 – Ven.10 – Sab.11 Novembre
Giulio Meoni
Tommaso Parenti
Marcella Soldani Benzi
Martin Gammuto
Beatrice Brandigi
Fabio Tosi
Diego Marchi
Sara Breschi
Elena Spennati
Giammarco d’Amato

Foto: Leonardo Papi
Grafica: Eleonora Cappelletti
Luci: Diletta Magherini, Andrea Iodice

*tutti gli spettacoli si svolgono alle ore 21.15 ad eccezione di quello di Dom. 12 Novembre che si svolgerà alle ore 16.30 (con ingresso dalle 16.00 alle 16.30)

Prenotabile da Lun. 9 Ottobre
ingresso dalle 20.45 alle 21.15
Quota di partecipazione 14 euro

 

DON GIOVANNI banner-fb 2